TENUTA CON AGRITURISMO NELL’ALTO LAZIO -ID59-

Panoramica immobile

Descrizione

Ubicata tra l’Alto Lazio e la Bassa Toscana, la tenuta fa parte di un antico feudo appartenuto prima ai principi Chigi poi, fino a circa un secolo fa, ai principi Torlonia. Collocata in posizione collinare con l’antico Borgo del 1600 che domina a 360 gradi un paesaggio unico ed incontaminato, offre un panorama che spazia dall’Argentario al Monte Amiata e che in pratica rappresenta la tipica Maremma Tosco-Laziale.

Descrizione e consistenza

La tenuta, limitrofa ad un parco naturale protetto, si estende per circa 370 ettari, di cui quasi 100 costituiti da bosco ceduo misto ad alto fusto e macchia mediterranea, il resto da seminativi, pascoli ed un uliveto di 9 ettari DOP. Per il bosco è stato predisposto un piano di taglio che prevede uno scalvo di circa 12 ettari annui a partire dal 2018. L’orografia è di media collina ed in parte di pianura con alcuni corsi d’acqua che fungono da confini naturali. Per i seminativi viene erogata la PAC, mentre ulteriori contributi possono essere concessi per particolari indirizzi colturali e/o l’adozione del regime biologico. L’azienda fa parte di una riserva di caccia di maggior consistenza, dove è possibile cacciare selvaggina nobile stanziale e migratoria. Vi è inoltre la possibilità di impiantare vigneti di ottima qualità, oppure noccioleti o castagneti, o ampliare l’uliveto.

L’azienda può essere totalmente irrigata grazie alla presenza di tre pozzi artesiani di ampia portata, dislocati in vari punti della tenuta.

Il complesso dei fabbricati è costituito come di seguito dettagliato:

  • Borgo costituito dai seguenti fabbricati:
  1. abitazione padronale in pietra risalente al 1600 su probabile impianto medievale, articolata su tre livelli fuori terra per un totale di circa 450 mq., tuttora abitata dai Proprietari, ma da curarne il restauro generale;
  2. complesso agrituristico costituito da fabbricati restaurati, disposti a corte intorno ad una piazzetta ed articolati su 2 e 3 livelli fuori terra oltre all’interrato; la loro composizione è di 29 camere doppie con bagno e 3 suites con bagno per un totale di ca. 70 posti letto; a tal proposito si sottolinea che il Comune anni orsono diede parere favorevole per una eventuale nuova edificazione al fine di incrementare la ricettività tramite la creazione di altre camere e suites. Al piano interrato vi è l’antica cantina con tinaio e locali di servizio. Al piano terra ampia sala soggiorno, bar con sala colazioni, reception, sala d’attesa, alcune camere con bagno, stenditoio, lavatoio, stireria, spogliatoio personale, locali di servizio e chiesetta, oltre a sala ristorazione con ampio terrazzo, cucina attrezzata, solarium, 18 camere con bagno. Al piano secondo 7 camere con bagno, un piccolo soggiorno, ripostigli, spogliatoio e wc di servizio. Circostante il Borgo vi è un parco secolare di gran pregio esteso per circa 3 ettari, costituito da essenze arboree d’alto fusto, dove predomina il leccio, il cerro, il cedro, il cipresso ed il castagno, oltre a prati ben curati e ad una piscina.
  • Complesso costituito da altri edifici:
  1. Casale in pietra restaurato di circa 200 mq posto su unico livello in posizione ultra panoramica;
  2. Ex stalla e rimessaggio di circa 620 mq coperti, da ristrutturare e suscettibile di raddoppio tramite la sopraelevazione di un piano, riconvertibile più verosimilmente all’uso ricettivo;
  3. Casale in pietra da restaurare di circa 250 mq articolato su due livelli e situato a circa 3 Km dal centro aziendale;
  4. Altri annessi di minore importanza (pollaio, tettoie, ecc.) da restaurare;
  5. Sala ristorante-pluriuso, di circa 350 mq, esterna al borgo, con solarium di uguale superficie e servizi vari.

Riepilogo superfici

  • Borgo: mq. 200 ca. interrati + 1.600 ca. cop. f.t + 330 mq. scop. (portico, terrazzi, e balcone).
  • Complesso fabbricati A)B)C)D)E): mq. cop. 1.550 ca. (esclusi possibili incrementi) oltre scoperto.

Note

Il complesso aziendale può essere utilizzato in diversi modi, ad esempio:

  • Come attività ricettiva, utilizzando il Borgo così come è stato ristrutturato o ampliandolo per realizzare ulteriori camere;
  • Come residenza privata, per l’unicità del posto;
  • Per organizzare eventi (matrimoni, convegni, ecc.);
  • Come centro benessere, sfruttando la vicinanza con le sorgenti termali;
  • Riserva di caccia, nel periodo che va da settembre a gennaio;
  • Come centro ippico e/o per l’allevamento di cavalli purosangue e da corsa;
  • Come centro per le arti, istituti di lingua o luogo di ritiro per squadre sportive;
  • Come centro didattico, ludico e sportivo.

L’azienda agricola è tuttora in esercizio, mentre da alcuni anni è sospesa l’attività agrituristica che non solo può essere facilmente ripresa stanti i molti importanti contatti con ospiti di tutto il mondo che hanno potuto già apprezzare l’amenità del luogo, ma può anche essere incrementata sia la capacità ricettiva che inserendo altre attività e servizi. Il sito è uno dei pochi luoghi in Italia ad aver mantenuto così bene le proprie caratteristiche, capace di suscitare emozioni intense all’ospite dandogli la sensazione di entrare in un’altra dimensione. Le testimonianze storiche e le eccellenze ambientali si fondono nella quiete di una campagna rimasta immutata da secoli, dove è possibile fare escursioni a piedi, a cavallo o in bicicletta, lontano dal traffico e dalla….”civiltà”.

I notevoli ricavi ottenibili dal ripristino dell’attività ricettiva, incrementabili dalla messa a reddito degli immobili da restaurare ed ampliare, unitamente ad una integrazione con altre attività praticabili, tenendo conto altresì del notevole valore aggiunto conferito al complesso dalla particolare bellezza del sito, dalle notevoli emergenze storiche, naturalistiche ed ambientali, rendono questa proposta unica nel suo genere. E’ intenzione della Proprietà alienare il bene nella sua interezza. Nel caso di proposte per una vendita frazionata, che la Proprietà si riserva di esaminare, si può ipotizzare la divisione in due quote:

  • Quota “A”: Borgo comprensivo del parco e di una porzione di terreno circostante di superficie variabile a seconda dell’esigenza dell’acquirente, fino ad un massimo di circa 20 ettari, ma incluso già l’oliveto e gli altri edifici di cui ai punti 2) A-B-D ed E.
  • Quota “B”: tutti i terreni restanti (minimo 350 ettari) , comprensivi del fabbricato di cui al punto 2) C.                                                                 ID 59

Caratteristiche

  • Aria Condizionata
  • Balcone
  • Camino
  • Cavo TV
  • Forno
  • Frigorifero
  • Hi-fi
  • Internet
  • Mobiliato
  • No condominio
  • Panoramico

Luogo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *